Star

Non regalare squali a Natale! L’appello dell’Acquario di Cattolica

Squalo

Pensa a una enorme pinna nera che spunta dal tuo…acquario! Non sei sul set di un film, ma parliamo proprio di squali. E ti stupirà sapere che, al pari di cani e gatti, sempre più spesso c’è chi li sceglie come animali domestici!

Si sta diffondendo infatti la cattiva moda di regalare animali esotici, come piranha, iguane, tartarughe e serpenti, per rendere la propria casa eccentrica e non convenzionale. Può sembrare una cosa carina, ma in realtà non lo è: spesso questi animali inducono tenerezza perché da cuccioli sono piccoli e indifesi, ma bisogna pensare che col tempo cresceranno, e con loro bisogni e necessità.

L’Acquario di Cattolica quindi, lancia un appello affinchè a Natale non si regalino squali, e partecipa alla “Settimana Europea dello Squalo” dal 10 al 18 ottobre promossa da Shark Alliance, che invita i visitatori e le scolaresche alla raccolta di firme da consegnare ai Ministri della Pesca della Comunità Europea per chiedere il divieto totale della pesca che ogni anno uccide milioni di squali nei mari del mondo.

Clicca su continua per leggere cosa succede agli squali tenuti in un acquario domestico.

Una delle storie emblematiche è questa: una famiglia lombarda, intenerita da due cuccioli di squalo (all’epoca grandi solo 30 cm) li compra e li alleva nell’acquario di casa. Belli sono belli, ma mangiano e crescono…crescono fino a raggiungere i 2 metri di lunghezza! Chiaramente l’acquario inizia a stare un po’ stretto a questi due innocui pescioni.

Morale: i proprietari sono costretti a  portarli all’Acquario di Cattolica, dove uno staff preparato li segue, e ora scorrazzano felici in compagnia di loro simili.  Ma allora, perché non acquistarli affatto e lasciarli nel loro habitat naturale?

Talvolta l’uomo davvero non ci pensa, ma gli animali sono esseri che hanno esigenze e necessità, e come tutti, vanno rispettati!

TESTI E TRADUZIONI © RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su:
  • Google+

Commenti ( 1 )

Lascia un commento

Scrivendoci il tuo indirizzo e-mail potrai lasciare un commento al post
Per conoscere come saranno trattati i tuoi dati ti invitiamo a leggere l’informativa privacy pubblicata su questo sito.

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: