Star

Energia verde: Nokia studia il cellulare che va a Coca Cola

Ci sono state notizie che parlavano di automobili che vanno a cioccolata, aerei che si ricaricano con le pile, e chi più ne più ne metta. Ora la nuova invenzione viene dal mondo della telefonia, e chissà se ci sarà qualche futuro, per quella che potrebbe essere una vera rivoluzione: il cellulare che va a Coca Cola.

La notizia è questa: la Nokia, celebre produttrice di telefonini, aveva affidato allo sviluppatore cinese Daizi Zheng il compito di studiare un cellulare che andasse ad energia pulita. A quel punto Daizi deve aver aperto il frigo e cercato ispirazione, dato che il risultato è stato, appunto, questo cellulare che si riempie di Coca Cola per funzionare. In pratica, la batteria di questo cellulare verde prende l’energia dallo zucchero contenuto nella bevanda, e ne sfrutta gli enzimi, che producono così elettricità.

Il cellulare così caricato può essere usato per diverse ore, e alla fine della carica si avrà una rimanenza di acqua nel piccolo serbatoio del telefonino, che a quel punto andrà nuovamente riempito di Coca Cola per ricominciare a telefonare. Le batterie verdi sono una fonte eco compatibile che genera elettricità dai carboidrati (in questo caso da zucchero), e la cosa bella è che sono totalmente biodegradabili, durano tre o quattro volte più delle normali batterie al litio, e soprattutto non inquinano.

Si tratterebbe davvero di una bellissima svolta per la tutela dell’ambiente, ma Nokia ancora non ha fatto sapere se il progetto diventerà realtà. Nel frattempo, dita incrociate e scorta di Coca Cola per i più chiacchieroni!

TESTI E TRADUZIONI © RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su:
  • Google+

Commenti ( 3 )

Lascia un commento

Scrivendoci il tuo indirizzo e-mail potrai lasciare un commento al post
Per conoscere come saranno trattati i tuoi dati ti invitiamo a leggere l’informativa privacy pubblicata su questo sito.

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: