Star

Marco Carta parla della sua infanzia senza genitori (con Quello che dai in polacco)

Marco Carta si racconta in un’intervista al settimanale Panorama. La vita non è stata facile per il cantante sardo: “Ho perso papà a otto anni e mamma a dieci. Mi ha salvato la mia famiglia materna, quella paterna non l’ho mai conosciuta. Anche perché mio padre non ha mai voluto conoscermi. Ho pianto molto, moltissimo, ma a un certo punto ho capito che piangere troppo ti fa smettere di piangere. E adesso non piango più, per nessun motivo”.

Marco Carta ha combattuto e continua a combattere contro i pregiudizi. Nonostante i successi degli ultimi anni c’è ancora chi guarda dall’alto al basso la sua musica: “Mi sono beccato tanta di quella ostilità. Le radio non volevano trasmettere le mie canzoni, in Rai non mi consideravano perché ero un prodotto Mediaset. ‘Ragli come un asino, beli come una pecora, non sai cantare, ma dove vuoi andare’: questo mi sono sentito dire e questo è quello che mi ha spinto a tirare fuori gli attributi. Per resistere e non mollare un sogno”.

Negli ultimi anni Marco Carta è stato protagonista di molte polemiche e a pochi giorni dall’uscita del singolo Quello che Dai ne arriva un’altra. C’è chi parla di plagio perché la canzone è identica a quella incisa dal cantante polacco Łukasz Zagrobelny. Non si tratta di un plagio: in entrambi i casi la canzone è stata scritta da James Morrison, che l’ha fatta in Italia da Marco Carta e in Polonia da Łukasz Zagrobelny.

Clicca su Continua per ascoltare la versione polacca di Quello che dai.

TESTI E TRADUZIONI © RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su:
  • Google+

Commenti ( 42 )

  • morena

    marco ha specificato che morrison aveva delle canzoni per l italia, ha scritto un inedito che poi ha scelto e dico scelto, di dare a due artisti di diversa nazionalità, ma sempre di inedito si tratta perchè il testo viene adattato e perchè l autore nn l ha mai cantato e portato al successo nn è l unico caso e se la canzone fosse capitata nelle mani di una qualsiasi altra persona stà cagnara nn ci sarebbe stata

  • spigo

    e nun ce vonno sta’ ………
    e nun ce vonno sta’…..
    poracci, stannno a rosicare come dannati, non sanno a che attaccarsi, Marco li stende tutti con il suo talento e il suo carisma questa è la verità!

  • rita bianchi

    non c’è niente da rosicare..Marco carta e Valerio Scanu sono sue nuove “leve”,diversi uno dall’altro.Ognuno ha i propri gusti e c’è posto x tutti.Quindi in bocca al lupo a tutti e due e che i vostri sogni si avverino!

  • ely

    sempre e piu bella la version de marco carta, e como adesso sta de moda reinterpretare la cover de cualcuan altro ejempio, renga,giusi ferreri, negrmaro e per que no debe interpretar anche marco un pezzo scrito de un altro cantamte, me pueden dire solo lui non se lo puo permetere, e bisogno una risposta a tanta cativeria sempre en el confronto de marco,

  • eleonora

    Vedo che a Marco Carta continuano a fare pelo e contropelo, chi saranno costoro che si cimentano in ricerche approfondite nel tentativo di screditarlo e demolire la sua inevitabile ascesa…? Ovviamente la domanda è ironica, sappiamo bene che si tratta proprio di chi dovrebbe pensare alla carriera zoppicante dei propri beniamini. Fatevi una vita vera rosiconi!

  • ely

    lui a detto que questo pezzo cera scrito per la italia e morrison le a permeso de interpretarlo perque era adecuo a la sua corda vocale.perdon per el mio italiano sonno arg.

Rispondi a lettrice Click here to cancel reply

Scrivendoci il tuo indirizzo e-mail potrai lasciare un commento al post
Per conoscere come saranno trattati i tuoi dati ti invitiamo a leggere l’informativa privacy pubblicata su questo sito.

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: