Star

Storie di Fan: la Fan Fiction di Matilde – Cap. 16

CAPITOLO 16
RYAN SEACREST: “Is It true You’re not dating Nick because You have a crush on a different brother?”
MILEY: “Nooo… ewww… well… if I do have a crush on a Jonas It would be Nick, but I don’t”
RYAN SEACREST: “But did You ever have a crush on Nick?”
MILEY: “Nooo… maybe… noo! Stop It!”
RYAN SEACREST: “Were You jealous when He talked to other girls?”
MILEY: “No… It’s his job, to look hot. Like my job is to be funny!”
RYAN SEACREST: “Good, ‘cause I’m going to tell You what happened last night”
MILEY: “No, no, nooo!!! I DON’T WANNA KNOW!” – 2008

Quando mi risvegliai mi resi conto di essere in un letto. Il mio letto. Mi alzai stanca e tentai di ricordare cosa ci facessi lì, quando tutto ciò che era successo mi tornò alla mente. Nick. Oddio. Chissà se… afferrai il cellulare e chiamai Demi.
“Ehi, Miles! Ti sei svegliata bella addormentata!” disse lei ridendo.
“Dems, cosa cavolo… Nick, come sta? Non dirmi che…” balbettai senza riuscire a terminare la frase.
“Ahahah… no, calmati. Nick sta bene. Lo dimettono fra due giorni. Si è salvato. Grazie al tuo sangue. Peccato che tu sia svenuta. Joe ti ha portato a casa in braccio” concluse maliziosa.
“Che scema che sei!” dissi sorridendo.
“In effetti ero abbastanza gelosa…”
“Non starai dicendo sul serio, Dems? Lo sai che fra me e Joe..”
“Ehi, stavo scherzando tesoro. Come va il braccio?” mi chiese premurosa.
Me lo guardai e distolsi il viso, disgustata.
“Non è un bel vedere. È tutto rosso e gonfio e pieno di…”
“Ok, ok, basta” mi interruppe lei ridendo.
A quel punto mi resi conto di essere in pigiama.
“Dems” le chiesi sospettosa “chi mi ha messa a letto?”
“Joe”, rispose, “perché?”
“Vuoi dire che mi ha portato lui in camera e mi ha adagiata sul letto?” chiesi sbarrando gli occhi.
“Sì, qualche problema?”
“Ehm, Dems… ero in pigiama all’ospedale?” le chiesi mentre il mio cuore perdeva colpi.
“No, certo che no. Ma che domande… oh” si interruppe capendo tutto “sei in pigiama?”
“Sì” risposi “sono in pigiama.”
Sentii Demi ridere forte senza riuscire a fermarsi.
“Dems, per favore! Non è affatto divertente!”
“Invece sì… Joe ti ha messo in pigiama!”
“Demi, ti prego…”
“Dai tesoro, lo sai come sono fatti i maschi. Ne approfittano ad ogni occasione.”
In quel momento doveva sorridere maliziosa.
“Sì. Va bene… senti, ti va se ci vediamo dopo?” le domandai.
“Grande. Passo a prenderti e facciamo un giro”
“Ciao Dems”
“Ciao”
Attaccai e composi il numero di Joe. Rispose al primo squillo.
“Ehi, Miles…” rispose allegramente.
“Joseph Adam Jonas. Sei la persona più idiota di questo mondo!” urlai.
“Sì, grazie per averlo chiesto, sto bene” fece sarcasticamente.
“Si può sapere perché cavoli mi hai messo in pigiama?” gli domandai.
“Volevo farti stare comoda” disse ingenuamente.
“Te lo faccio vedere io il comodo. Se solo adesso ti avessi fra le mani…”
“Ehi, calmati” mi bloccò ridendo “ti ho messo in pigiama, non ti ho cambiato la biancheria intima”.
Rimasi in silenzio, a bocca aperta.
“Tu sei deficiente e pervertito, seriamente. Dovrò avvisare Demi di ciò” dissi senza però riuscire a trattenere le risa.
“No, ti prego. Ora che potremmo tornare insieme…”
“Lascia perdere.”
“Ehi, c’è… c’è qualcuno che vorrebbe parlarti”
“Chi?”
“Mio fratello”
“Quale dei… queste cose non le abbiamo già dette?” chiesi ridendo.
“Sì, e anche questa volta è Nick”.
Sospirai.
“Passamelo”.
Attesi in silenzio, mentre il mio cuore si fermava e i miei occhi si riempivano di lacrime.
“Ciao Miley.” Chiusi gli occhi per un istante e mi ripetei la sua calda voce nella mente.
“Ciao Nick”
“Ascolta, se non vuoi parlarmi non importa, io…”
“Non preoccuparti. Come va?”
“Ehm… bene?”
Scoppiai a ridere.
“Dai, seriamente!”
“Ok, relativamente bene. Ma adesso che sento la tua voce molto meglio…” concluse sincero.
“Nick, ti prego” dissi sentendomi in colpa.
“è la verità, Miles… volevo dire Miley. Che ti piaccia o no.”
“Nick, mi fai stare male così”
“Basta, va bene” disse triste “io… io volevo ringraziarti… sai… per il sangue”
“L’ho fatto con piacere”
Ma cosa cavolo stavo dicendo?
“Ok, solo questo. Ciao Miley”
“Nick?”
“Sì?” chiese speranzoso
“Niente, solo… le cose fra noi non cambiano. Tu per me sei ancora un estraneo e lo rimarrai” puntualizzai.
“Non mi aspettavo diversamente. Ciao Miley”
Attaccò e io mi sdraiai sul letto con il viso fra le mani. Basta. Perché continuare a mentire a me stessa? Lo amavo. Lo volevo e lo avevo già perdonato. Forse non ero mai nemmeno stata arrabbiata con lui. Era arrivato il momento di recuperare il tempo perduto.

Tirai un pugno al muro e le nocche iniziarono a sanguinare. Non me ne curai.
L’avevo persa, come al solito. Le avrei potuto dire ciò che provavo, e invece… urlai di rabbia e gettai a terra un libro, distruggendone la copertina. Corsi giù per le scale e feci per uscire di casa.
“Ehi, Nick… dove vai?”
“Al vecchio teatro, Joe”
“Ehi, ti hanno dimesso solo da due giorni, forse…”
“Forse niente, Joe. Ho bisogno di quel teatro adesso”
Uscii sbattendo la porta e salii in macchina, tentando di non pensare a ciò che era successo l’ultima volta che l’avevo fatto.

CAPITOLO 17
“It’s not the storm before the calm. This is the deep and dying breath of this love We’ve been working on”-MILEY CYRUS (TWEET) 2009

Ero seduto da solo, nel vecchio teatro in disuso alla periferia di Los Angeles.
Quel palco, con le sue assi cigolanti e i suoi drappeggi scoloriti, custodiva due dei miei più bei ricordi. Lì avevo ballato con Miley, poco tempo dopo esserci conosciuti.
Avevamo ballato senza musica, semplicemente seguendo il ritmo dei nostri cuori. E, due anni dopo, avevamo scritto e arrangiato Before The Storm insieme, al piano dove adesso ero seduto.
Il teatro era vuoto e cadente, eppure trasmetteva gioia. Sembrava di sentire ancora gli applausi del pubblico, le battute degli attori, la musica e le grida.
Stavo schiacciando tasti a caso, eppure finivo sempre per suonare i primi accordi di Before The Storm, senza rendermene conto.
Non potevo nascondere a me stesso ciò che provavo per Miley. Non ce l’avrei fatta. Joe aveva ragione, avrei dovuto rifarmi una vita. Ma in quel momento non riuscivo a pensare ad altro che a lei.
Magari, più avanti, mi sarei finalmente lasciato il passato alle spalle. Ma una parte di esso sarebbe sempre vissuta nel mio cuore, pronta a portare in vita ricordi che avrei solo voluto cancellare dalla mia testa e dalla mia vita.
Trassi un profondo respiro ed iniziai a suonare Before The Storm. La sua malinconica melodia si diffuse per tutto il palco e oltre, verso le poltrone e gli spalti, fino alle finestre in vetro colorato, rimbalzando per tutto l’edificio.
Una lacrima cadde silenziosamente sul piano, inondandolo di tristezza. Non ce l’avrei fatta a dimenticarla. Mai.
Ripresi a suonare, mentre fuori sentivo rade gocce di pioggia che cominciavano a battere sul tetto, minacciando di fare lo stesso sul mio cuore. Non sentii la porta cigolare, né i passi di qualcuno avvicinarsi a me.
“Ehi, Nick… era Before The Storm, quella?”.
Mi alzai di scatto e mi voltai. Miley era a pochi metri da me. Un paio di jeans fradici, una maglietta bianca e i capelli legati in una coda. Aveva le mani in tasca, e un sorriso dolcissimo sul viso. Rimasi immobile, senza sapere cosa fare.
“Ehi, Nick… ti ho chiesto se stavi suonando Before The Storm!” ripeté ridendo.
“Miley, io…” balbettai
“Puoi chiamarmi Miles, se vuoi” mi disse senza smettere di sorridere
“Miles, io… sì, era Before The Storm. Se ti serve il teatro me ne vado, avevo finito…”
“No, aspetta. Mi piacerebbe che tu continuassi a suonarla. Mi piace quella canzone”
Mi risedetti al piano e iniziai a suonarla per lei, mentre Miley mi si sedeva accanto.

Le sue mani scorrevano leggere sui tasti, i suoi occhi erano fissi sullo spartito, ma non lo stava seguendo.
Osservai il suo profilo, i suoi dolci occhi marroni, i suoi riccioli disordinati. Mi unii a lui, e iniziammo a suonarla insieme.
C’era qualcosa di speciale nel suonare Before the storm con lui. Non era solo la nostra passione per la musica, c’era anche qualcos’altro.
Essere di fianco a lui, suonare insieme la storia della nostra vita in quel teatro che ci aveva visti amarci. Era perfetto.
Sentii che mi guardava e mi voltai, senza smettere di suonare. I suoi occhi erano colmi di gratitudine, e un sorriso abbozzato gli tagliava il volto. Cominciò a cantarla, quasi sussurrando, ed io mi unii a lui.
Chiusi gli occhi. Sentivo le nostre voci, perfette insieme, le mie mani vicino alle sue, i nostri cuori battere per lo stesso motivo. Era qualcosa di magico.

Era bellissima. Mi voltai ad osservarla, mentre con gli occhi chiusi cantava l’ultimo ritornello.
Non capivo perché fosse lì. Come avesse fatto a trovarmi. E non volevo saperlo. L’unica cosa che contava, in quel momento, era saperla vicina a me. Sapere che forse mi aveva già perdonato, che magari saremmo tornati ad essere felici insieme.
Il mio sguardo in quel momento doveva essere molto innamorato, e ringraziai il Cielo che avesse gli occhi chiusi. Con un ultimo accordo concludemmo la canzone. Lei aprì lentamente gli occhi e si voltò per guardarmi.
“Come… come hai fatto a sapere che ero qui?” le sussurrai
“Me l’ha detto Joe” mi rispose continuando a guardarmi.
Mi alzai, andai dietro le quinte e tornai poco dopo con una coperta.
“Sei completamente bagnata, tieni” le dissi porgendogliela.
Lei la prese e se la mise sulle spalle.
“Ho parlato con Delta” le dissi “e l’ho lasciata. Non voglio che tu mi perdoni, Miles. Non ti merito. Avevi ragione. Sono stato uno stupido. E se dovessi odiarmi ti capirei benissimo. Sappi solo che ti amerò, per sempre”.
Lei mi si avvicinò e mi prese entrambe le mani fra le sue.
“Lo sai meglio di me che non potrei mai odiarti, Nick. Ho esagerato. È che… avevo paura” mi disse con gli occhi lucidi
“Paura per noi?” le chiesi
“Sì. Per me e per te. Non so dove andremo a finire, Nick. Abbiamo tentato tante volte, e abbiamo sempre fallito. Ho paura di soffrire ancora, Nick. Ho paura che tu possa soffrire ancora. Io mi fido di te, e ti amo. Ma credo che dovremmo rimanere solamente amici. Per il bene di entrambi” concluse mentre una lacrima le rigava il volto.
“Per il bene di entrambi?” le chiesi senza capire
“Sì. Finiamo sempre per spezzarci il cuore a vicenda, e io non riesco a sopportarlo, Nick. Tu sei troppo importante per me. Sei forse ciò che ho di più importante, non vorrei mai perderti. Preferisco che noi due rimaniamo… solo amici. Non voglio perderti”.
Abbassai gli occhi. Non era ciò che volevo.
“Tu sei felice così?” le domandai “se noi rimanessimo solo amici, se io continuassi con la mia vita e tu con la tua, tu saresti felice? Perché se la risposta è sì, allora per me va bene. Saremo amici”.
La vidi dubitare, senza sapere cosa dire.
“Non è questione di essere felici. Dobbiamo fare ciò che è giusto, non ciò che ci rende felici. Io sono felice solo quando sono insieme a te.
Eppure il dolore che provo ogni volta che mi menti è troppo forte. Non funzionerebbe mai, e lo sappiamo. Averti solo come amico forse non mi renderà felice, ma è la scelta giusta” concluse, e le sue parole mi trafissero come un coltello.
“Miles” le chiesi “come può essere giusta una scelta che non ci rende felici? Se entrambi ci amiamo, se entrambi siamo felici solo quando siamo insieme… allora credo che la scelta giusta sia quella di riprovare, di illuderci ancora una volta”
“No, Nicky” mi rispose lei “non è così. La scelta giusta è quella che ci tiene protetti, ci fa sentire sicuri. E io non mi sento protetta quando siamo fidanzati. Averti solo come amico… mi fa soffrire di meno”.

Lo vidi abbassare lo sguardo. Gli presi con delicatezza il volto in modo da poterlo guardare negli occhi. Due lacrime solitarie gli stavano percorrendo la guancia. Mi sentii male, mentre i miei occhi mi stavano bruciando e la vista mi si annebbiava per lo sforzo di trattenere le lacrime.
“Ehi, Nick… ti prego, mi fai stare male così”
“Non importa. Se per te va bene saremo solo amici” mi rispose con voce roca
“Ehi, voglio che anche tu sia d’accordo. Ascolta, lo so che è difficile. Io ti amo, e il pensiero di non potertelo dire, di non poterti baciare, di dover nascondere ciò che provo dietro una semplice amicizia mi fa stare male. Ma è la scelta migliore per entrambi, te lo assicuro. Saremo amici. E prima o poi smetterai di amarmi. Accadrà. Ti innamorerai di un’altra ragazza, ti sposerai, avrai dei figli… un nuovo futuro.”
“Queste sono esperienze che voglio vivere con te, Miles. Solo con te. Io ti amo. Ti ho sempre amato e non smetterò mai di amarti.”

“Nick, ti prego…”
“No, Miles. È così. Tu sei l’unica ragazza che abbia mai amato. Fin dal primo giorno che ti ho vista.
Tu sei quella per la quale ho scritto decine di canzoni, la prima che ho baciato e la prima per la quale ho pianto. Sei stata la prima capace di farmi sorridere, e l’unica che riesca a rendermi felice.
Sei la ragazza con la quale ho sempre sognato di sposarmi, l’unica alla quale pensi e che voglia. Sei al centro del mio cuore, tutto il giorno.
Quando sorridi, io… non riesco più a parlare. Mi perdo nei tuoi occhi, nella tua risata, nel tuo respiro. Ti amo, Miley Ray Cyrus, e sei la mia vita”.
L’avevo fissata mentre dicevo queste cose, e la sua espressione era cambiata. Era passata da incerta a sicura, da smarrita a convinta.
“Anche io ti amo, Nicholas Jerry Jonas”.
Mi avvicinai ancora di più a lei, le presi il volto fra le mani e la baciai.
La volevo. La amavo. Sentivo il cuore scoppiarmi di gioia, le mie mani tremavano mentre le accarezzavo dolcemente i capelli.
Avrei voluto piangere. Piangere dalla felicità. Sentivo le sue mani sulla mia schiena. Le cinsi la vita e la strinsi di più a me, baciandola con più passione. Il mio cuore batteva con foga, e il mio respiro era ansioso.
Quando ci staccammo la guardai negli occhi. Quegli occhi blu mare, quei dolcissimi occhi.
“Diamoci un’altra possibilità, Miles. Ce la possiamo fare”.
Lei mi sorrise, mi passò una mano fra i capelli mentre io la abbracciavo.
“Una, cento, mille… non importa. Ce la faremo”.
Le presi nuovamente il viso fra le mani e rimasi immobile, osservando la ragazza che avevo sempre amato e con la quale, adesso lo sapevo, avrei costruito un futuro.
“Ti amo, Nicky…” sussurrò lei
“Anche io ti amo, Miles… non provare a scordartelo neppure per un secondo” dissi prima di chinarmi per baciarla nuovamente.
Avevamo tutta la vita davanti. Quello era solo il primo momento di perfezione.


To Be Continued…

TESTI E TRADUZIONI © RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su:
  • Google+

Commenti ( 29 )

  • Vero_Drew_Bieber

    che bello!!!!!! complimenti! :mrgreen: :D <3

    • Giuly4ever

      stupendamente tristemente felice… perchè c’è Be Continued? Si rimetteranno insieme anche Demi e Joe? :D

      • VeronicaLovesMC

        belloooooo ;)

        • SelenaMiley4ever

          Attaccai e composi il numero di Joe. Rispose al primo squillo.
          “Ehi, Miles…” rispose allegramente.
          “Joseph Adam Jonas. Sei la persona più idiota di questo mondo!” urlai.
          “Sì, grazie per averlo chiesto, sto bene” fece sarcasticamente.
          “Si può sapere perché cavoli mi hai messo in pigiama?” gli domandai.
          “Volevo farti stare comoda” disse ingenuamente.
          “Te lo faccio vedere io il comodo. Se solo adesso ti avessi fra le mani…”
          “Ehi, calmati” mi bloccò ridendo “ti ho messo in pigiama, non ti ho cambiato la biancheria intima”.
          Rimasi in silenzio, a bocca aperta.
          “Tu sei deficiente e pervertito, seriamente. Dovrò avvisare Demi di ciò” dissi senza però riuscire a trattenere le risa.

          ihihihi! :mrgreen::mrgreen:
          figata!

  • •Vale★♣§ღ♫»Sel♥Juss♥Miley♥1D??ϟJELENA&Delena♥»Eri_6_mitika!!!!♦♣◘Selena§T.V.B.!6 la migliore e la + bella!!!!Miley 6 stupenda♥!Voglio JUSTIN DREW BIEBER!!!»↨§◘♫™

    ODDIO è TROOPPO BELLAAAAA!!! è BELLISSIMA, FANTASTICA MERAVIGLIOSA!!

  • NILEY PER SEMPRE! Miley,Jonas,Demi,Taylor♥Robsten Jemi.Kiara Jonas e milly4ever VI ADORO.#EricaSeiMitica.Nick Jonas is my hero.Miley Cyrus is my smile. I Coldplay e La Saga Di Twilight nel mio cuore.GaGa.Odio DeltaG.Niley per sempre

    *piange*
    “Quelloera solo il primo momento di perfezione” WOW *.* *.*
    FANTASTICO!!!Davvero!!!
    TVB SORELLINA <311

    • •Vale★♣§ღ♫»Sel♥Juss♥Miley♥1D??ϟJELENA&Delena♥»Eri_6_mitika!!!!♦♣◘Selena§T.V.B.!6 la migliore e la + bella!!!!Miley 6 stupenda♥!Voglio JUSTIN DREW BIEBER!!!»↨§◘♫™

      Ciao Ale!!! ma sei rumena?

    • $ofia

      NILEY PER SEMPRE perfettamente ragione, quella frase è fantastica come tutto il racconto, lo adorooooooooooo!!!!!!!!!!!!!! E’ fantastico!! Mi stai dando delle emozioni bellissime, ti giuro che stavo per piangere :D

    • mileysuperfan

      anche io mi sono messa a piangere !!!ti giuro!!

  • Anna

    Bellissima questa parte…pero secondo me erano piu belle le altre…questa era molto breve!!comunque complimentissimii

  • niley4ever_

    questa volta ho pianto pure io!!!!!
    sei troppo brava milly!!! e la storia è a dir poco spettacolare!! non vedo l’ora k sia domani!!! :D

  • NileyForeverNIck&MileyAVitaAndJonasFan

    Stupendo..e già voglio il continuo xD

Lascia un commento

Scrivendoci il tuo indirizzo e-mail potrai lasciare un commento al post
Per conoscere come saranno trattati i tuoi dati ti invitiamo a leggere l’informativa privacy pubblicata su questo sito.

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: