Star

Storie di Fan: Maybe – Cap. 6

Capitolo 6

Lei sentiva il getto caldo della doccia che la bagnava, sentiva le gocce scivolarle addosso partendo dai capelli, seguendo le curve del suo corpo e arrivare ai piedi, sentiva i vestiti ancora più fradici e sentiva il corpo muscoloso di lui premere contro il suo. Non aveva ancora aperto gli occhi, era rimasta immobile, le sembrava troppo fantastico per essere la realtà, ma aveva anche paura di scoprire che tra di loro non poteva funzionare, che non le sarebbe piaciuto farlo con lui o, cosa ancora più umiliante, che lo avrebbe potuto deludere.

– Jeje…perchè tieni ancora gli occhi chiusi?- le chiese lui
– Perchè sto sognando! Se poi li apro mi sveglio e mi ritrovo a letto, quindi finisce tutto.- rispose lei sorridendo
– Allora posso provarti che sta succedendo davvero?- lui rise è la baciò.
– Mmmh- disse lei ridendo – non ci credo ancora, qualche modo più efficace?-
– L’hai voluto tu-, lui allora inizio a farle il solletico
– ok, ok, ci credo- disse lei ridendo e cercando di divincolarsi dalle sue mani e poi aprì gli occhi.
-Oh brava, ci volevano le maniere forti- le disse scherzando lui avvicinandola a se
Lei sorrise e lo guardò come non aveva mai fatto prima, non si era mai accorta di quanto gli brillassero gli occhi mentre sorrideva e poi si rese conto di avere ancora addosso i vestiti.
– Beh Jeje, vuoi una mano anche per i vestiti?- le chiese lui come se le avesse letto nel pensiero
– No no ti prego, basta solletico- rispose lei – e poi un po’ mi vergogno, io non sono mica bella. Non sono la solita ragazza di cui i ragazzi come te si innamorano-.
– Frena, frena! Allora prima di tutto tu sei bellissima, sei la più bella ragazza che io abbia mai visto e non sei solo bella esteticamente, hai un bel carattere insomma sei bella dentro è questo quello che mi piace di più di te- con queste parole lui la fece sorridere- E chi sarebbero i tipi come me?-
– Adesso ti spiego, sai la prima volta che ti ho conosciuto? Beh, pensavo fossi uno di quelli che se la tira, pieno di sé fuori e vuoto dentro, uno di quelli che si innamora delle ragazze perfette: alte, magre, magari bionde o con gli occhi azzurri, ma poi arriva quel fatidico giorno tu mi rivolgi la parola e iniziamo a parlare, a conoscerci meglio e con il tempo capisco che sei una persona completamente diversa da come ti avevo immaginato, insomma tu sei fantastico. –
-Beh grazie…non me lo aveva mai detto nessuno- le disse lui sorridendo e poi iniziò a sbottonarle la maglia fino a togliergliela completamente, ma non staccava i suoi occhi da quelli di lei.
– Hai degli occhi stupendi- gli disse lei
– Ma stai scherzando spero? Ma li hai visti bene? Sono di un normale e monotono marrone!- rispose stupito lui
– No sono seria, sono luminosi. Bellissimi non basta perchè i tuoi occhi sono pieni di sfumature, dolcissimi e poi brillano pure quando sorridi-
– Ahh, l’amore che effetti che fa- le rispose scherzando lui mentre le slacciava e le toglieva anche i pantaloni, lei sapeva ciò che stava succedendo e lo lasciava fare, sperando davvero che la vedesse bella come le aveva detto poco prima.
– Bene adesso sei contento, non ho più i vestiti- gli disse ridendo lei facendo un giro su se stessa
– Quasi, insomma non è valido, hai ancora l’intimo- Lui le diede un bacio leggero sul collo.
– Ah bè, mi sembra giusto, vuoi togliermi anche quello?- gli chiese lei rabbrividendo di eccitazione, con aria maliziosa.
– E me lo chiedi?- le rispose lui sorridendo più che mai e poi l’attirò a sé e la baciò mentre finiva di spogliarla.

Pensava di amarla, credeva di amarla anzi era sicuro di amarla, non aveva mai provato niente del genere prima. Lei era sua, sua e basta e adesso aveva voglia di lei più che mai. Più della prima volta che si era reso conto che c’era quella “fottuta attrazione”, come la chiamava lui, che lo aveva portato a lasciare la sua ex ragazza che a parere di molti era Miss universo e che era stata la sua prima cotta dalle medie fino alle superiori e quando praticamente tutte le sue fantasie erano state su di lei.
– Jeje- le disse lui uscendo con lei dalla doccia e fermandosi a guardarla
– Dimmi- rispose lei. Lui non riusciva a spiaccicare parola, si era reso conto che l’acqua della doccia gli aveva impedito di guardarla davvero, era stupefatto, incantato da lei, era davvero stupenda -Andrea ci sei?- continuò lei aspettando una sua risposta
– Sisi- rispose lui riprendendosi – ti stavo guardando- disse sorridendo e poi l’abbracciò, la baciò. Lei le prese per mano e lo portò nella sua camera, chiuse la porta e si appoggiarono sul letto verde continuando a baciarsi, abbracciarsi, toccarsi.

-Ti amo- gli disse lei, poi aggiunse -per davvero-
– E’ la cosa più bella che mi potessi dire- le rispose lui – Ti amo anche io-
– Non ho sentito-
– Jessica io Ti amo, davvero. Avrei voluto saltarti addosso appena mi hai aperto la porta stamattina, ma non me ne hai dato il tempo- A quelle parole lei sentì un brivido di eccitazione salirle lungo la schiena.
– E’ la mia prima volta-
– Beh questa è la seconda cosa più bella che mi potessi dire-
– Sono contenta che tu sia qui- ribadì lei con un leggero tremito nella voce
– E io ti voglio talmente tanto che quando ti penso la mia taste gira talmente veloce da perdere l’orientamento-
E si baciarono una, dieci, cento, mille, diecimila volte poi ancora e di nuovo. I loro corpi fremevano mentre le loro gambe si attorcigliavano.
E poi i loro respiri si fusero e le due anime diventarono una sola.
E in un attimo sono uno dentro l’altra, solo loro, mentre tutto il resto del mondo viene spazzato via come in un bellissimo temporale d’estate.

To Be Continued…

TESTI E TRADUZIONI © RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su:
  • Google+

Commenti ( 17 )

Lascia un commento

Scrivendoci il tuo indirizzo e-mail potrai lasciare un commento al post
Per conoscere come saranno trattati i tuoi dati ti invitiamo a leggere l’informativa privacy pubblicata su questo sito.

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: