Star

Maturità: i ragazzi del Minghetti di Bologna ti insegnano quella che salva la vita

whastapp-stalking-maturità

La Maturità 2014 è iniziata questa mattina alle 8:30 in punto per circa 500.000 ragazzi che, seduti ai loro banchi, al massimo della concentrazione, tuttora stanno affrontando la prima prova scritta d’italiano. :D Elaborando i loro pensieri in testo per rispondere alle tracce scelte dal Ministero per l’esame di maturità di quest’anno – dall’analisi del testo della poesia di Salvatore Quasimodo “Ride la gazza nera sugli aranci” al tema di storia “Europa nel 1914 e nel 2014: quali le differenze”, passando per il tema di attualità ispirato a una frase di Renzo Piano e per i diversi saggi brevi di argomento artistico-letterario, scientifico, storico-politico e socio-economico – i maturandi cercheranno di dare prova della loro preparazione, della capacità di esprimere ed argomentare per iscritto un pensiero e della loro abilità nel formulare una personale interpretazione di testi, fatti e opinioni.

Ma la maturità non si ottiene solo attraverso un esame di stato! :D E’ soprattutto una “materia” che si impara nella vita di tutti i giorni, pian piano, cercando di capire la formula segreta per vivere felici e lontani dai guai. E’ una qualità che si può avere già a 10, 13 o a 15 anni e che ci aiuta quando attorno a noi sta capitando qualcosa di “strano” :roll: … qualcosa che potrebbe crearci dei problemi, anche se all’inizio sembra una cosa normale!

Per esempio, tu sapresti riconoscere la differenza tra vero amore e stalking da parte del tuo love? Quale consiglio daresti alla tua BF se il suo fidanzatino la bombardasse di messaggi tutto il giorno per controllare ogni suo singolo movimento? :? Hai mai pensato che WhatsApp potrebbe essere un nemico della tua libertà?

Per aiutarti a sviluppare la maturità che serve a difenderti dalle violenze di genere, 35 studenti e studentesse del Liceo Minghetti di Bologna (ragazzi che hanno più o meno la tua età :wink: ), hanno girato due videoclip in cui si parla degli atteggiamenti esagerati che alcune ragazze e donne sono costrette a subire da parte degli uomini. Al termine di una serie di laboratori ideati dagli educatori del Progetto Alice di Bologna e intitolati “Mai più violenza”, i ragazzi hanno prodotto due video in cui ti dimostrano molto chiaramente che gli abusi contro le donne sono spesso attuati in modo ambiguo e insidioso, travestiti da comportamenti che apparentemente sembrano normali e innocui, ma che in realtà creano dei forti stati di ansia e disagio nelle vittime. :(

Nei video puoi vedere che alcuni tipi di violenza non avvengono con episodi eccezionali, ma fanno parte della vita di tutti i giorni delle ragazze. E’ per questo motivo che è importante imparare a riconoscerli e ad affrontarli. Nel primo video, intitolato “Mi guardo senza il vostro sguardo”, ti fa capire quanto possa essere fastidioso per una ragazza essere oggetto di sguardi troppo insistenti da parte dei ragazzi e uomini che incontra per strada 8O . Il secondo video, intitolato “Questo non è amore, è possesso”, racconta invece la disavventura di una teenager che ha la sfortuna di avere un ragazzo troppo geloso e possessivo, che la controlla ossessivamente attraverso lo smartphone inviandole decine di messaggi con WhatsApp e Facebook. Questo sembra amore invece è… stalking digitale:|

Insomma, come puoi ben capire anche grazie all’aiuto dei ragazzi del Liceo Minghetti di Bologna che hanno partecipato al progetto “Mai più violenza”, qualche volta distinguere le situazioni di pericolo e disagio non è semplice. Ci vogliono furbizia, coraggio, responsabilità, esperienza. Ci vuole (spesso) l’aiuto degli altri. E ci vuole anche maturità… ma quella che si costruisce giorno per giorno, non quella che si può conquistare con un solo esame!  :mrgreen:

Cosa ne pensi del progetto “Mai più violenza”? Ti è mai capitata una situazione simile?

Lascia il tuo commento!

:arrow: Clicca sulla pagina 2 per vedere i video realizzati dai ragazzi del Liceo Minghetti di Bologna!

TESTI E TRADUZIONI © RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi su:
  • Google+

Commenti ( 5 )

Lascia un commento

Scrivendoci il tuo indirizzo e-mail potrai lasciare un commento al post
Per conoscere come saranno trattati i tuoi dati ti invitiamo a leggere l’informativa privacy pubblicata su questo sito.

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen: